Ancora truffe con le postepay

La carta postepay attira sempre di più truffatori di ogni tipo e le truffe con la carta postepay continuano a tutto spiano.

 

Figura anche il nome di un brindisino fra i tre indagati raggiunti ieri mattina all’alba da un ordinanza di custodia cautelare spiccata dal gip di Napoli del Tribunale di Bari. Si tratta del 35enne Renato Vaccarella, arrestato assieme al romano Marco Giaquinto di 50 anni e al beneventano Francesco Botticella di 49 per truffa e frode informativa. I tre sono accusati di aver messo in atto un sistema fraudolento che avrebbe permesso loro la sottrazione di denaro da diverse carte prepagate “Postepay”. Non è al momento possibile conoscere la stima esatta dell’ammanco prodotto in giro per l’Italia, ma le vittime finite nella rete della presunta banda sarebbero numerose. L’inchiesta e’ nata a seguito della denuncia presentata da un cliente Postepay derubato. Alla polizia l’uomo spiegò d’essersi trovato col conto completamente prosciugato, nonostante non avesse compiuto alcun acquisto tale da spiegare l’azzeramento dei depositi presenti nella carta prepagata.
Successivamente è emerso che anche numerosi altri titolari di carte e conti correnti erano stati vittime della medesima truffa. Ne è nata un’inchiesta coordinata dal procuratore aggiunto Fausto Zuccarelli, che ha lentamente intrecciato i fili di un meccanismo che andava ripetendosi in ognuno dei casi segnalati e scoperti, portando alla luce sempre gli stessi nomi. Sei mesi è durato il lavoro degli investigatori della polizia postale, concluso il quale, è partita dal pm la richiesta di arresto per i tre indagati al giudice per le indagini preliminari presso il tribunale di Napoli.
Ancora truffe con le postepayultima modifica: 2011-04-23T21:10:46+00:00da cartaposte

Un pensiero su “Ancora truffe con le postepay

  1. Ciao a tutti! Siccome c’é sempre il detto che la postepay non fosse molto sicura per l’utilizzo online, mi sono informata e mi hanno consigliato la paysafecard. Qualcuno mi sa dire dove la si acquista e se é sicura? Ci sono costi di commissione più alti rispetto alla postepay?

Lascia un Commento